Stanchezza mentale:
da cosa dipende?

La stanchezza mentale, è strettamente associata alla stanchezza fisica, o astenia. È una condizione di malessere fisico e psicofisico che determina anche una riduzione delle nostre capacità cognitive e che può essere causata da molteplici fattori

La stanchezza mentale, è strettamente associata alla stanchezza fisica, o astenia. È una condizione di malessere fisico e psicofisico che determina anche una riduzione delle nostre capacità cognitive e che può essere causata da molteplici fattori quali:

Situazioni di stress, dovute ad ansia, lavori particolarmente impegnativi dove siamo obbligati a rimanere concentrati per diverse ore, giornate piene di impegni

Una dieta inadeguata e povera di nutrienti, minerali ed altre sostanze che garantiscono il giusto apporto energetico e glucidico al nostro cervello.

La mancanza di riposo o una qualità del sonno scadente. Quando dormiamo il nostro cervello sincronizza tutti i nostri bioritmi essenziali e abbassa i livelli degli ormoni prodotti in situazioni di stress, come il cortisolo e l'adrenalina.

Lo sapevi che...

Sono necessarie almeno otto ore di sonno, ogni notte, per favorire il corretto funzionamento delle proprie facoltà mentali. Il cervello, infatti, approfitta delle ore di sonno per "fare le pulizie" ed eliminare le sostanze di scarto - sottoprodotti dell'attività neurale - accumulate durante il giorno, come ad esempio l'adenosina. Questa sostanza viene prodotta in quantità tanto maggiori quanto più lavora il cervello durante una lunga e faticosa giornata.

L'inattività fisica e la sedentarietà, dal momento che il poco esercizio fisico diminuisce la quantità di ossigeno nel sangue e l'apporto di questo al cervello; in assenza di attività fisica viene limitato anche il rilascio di sostanze come le endorfine e la serotonina, detti anche "ormoni della felicità", in grado di manifestare effetti positivi sul tono dell'umore.

La disidratazione, in quanto l'acqua è un nutrimento essenziale per il nostro cervello; una ridotta introduzione di liquidi durante la giornata può portare all'abbassamento delle funzioni cognitive, soprattutto a livello di memoria e di concentrazione, ma può esprimersi anche con un calo del tono dell'umore.